Grotta di San Benedetto

Secondo alcune (vaghe) fonti, un eremita benedettino visse in una grotta ai piedi del Monte Velino. Questo eremo, che oggi prende il nome di Grotta di San Benedetto, è l’interessantissima meta di una bella escursione anche a prescindere dalla veridicità delle voci sulla sua occupazione da parte di un non ben identificato Santo. Si tratta, infatti, di un balcone eccezionale sulla piana del Fucino e l’escursione (breve ma impegnativa) offre, essa stessa, notevolissimi spunti di interesse naturalistico.

Attenzione
Il percorso non è stato "collaudato" con ragazzi sotto i 14 anni!

Interessi per i bambini

Itinerario di sicuro interesse per i bambini che troveranno la grotta misteriosa e affascinante. Forse si annoieranno un po’ nel tratto più ripido della salita, ma in generale saranno entusiasti dell’escursione. Occorre tenere bene a mente, tuttavia, che si tratta di un percorso che nel suo ultimo tratto è difficile ed esposto: in presenza di bambini, quindi, è necessario prestare particolare attenzione ed essere in grado di assicurarli.

Interesse Sportivo
Livello di interesse: 
Medio

I bambini si divertiranno molto nell’ultimo tratto. Occorre, tuttavia, prestare molto attenzione.

Interesse Paesaggistico
Livello di interesse: 
Alto

La grotta da sola ha un fascino tutto suo, ma anche l’ambiente roccioso in cui si apre dovrebbe stimolare la curiosità e l’ammirazione dei bambini.

Interesse Naturalistico
Livello di interesse: 
Alto

Interessanti le fioriture primaverili e piuttosto frequente l’incontro con i cervi. Quasi impossibile non osservare il volo dei grifoni.

Descrizione

Galleria fotografica