Erba unta

Escursioni di riferimento: 
Quando osservarla: 
Primavera
Estate

Con i nomi "erba unta" e "pinguicola" sono indicate tutte le specie appartenenti al genere Pinguicula.

Come suggeriscono i suoi nomi, (il latino pinguis significa “grasso”) si tratta di piante di non grandi dimensioni caratterizzate dalla presenza di foglie caratteristicamente carnosette e viscide che formano delle rosette. Dal centro di tali rosette, nel periodo di fioritura, parte uno scapo fiorale con un unico fiore con toni dal viola lilla al bianco.

La caratteristica principale che rende interessanti queste piante, però, non è il suo piccolo fiore, ma il fatto che si tratta di piante carnivore!

Le foglie sono, infatti, ricoperte di piccole ghiandole che producono una sostanza collosa che invischia piccoli insetti che verranno “digeriti” dalla pianta. In tal modo la pianta riesce a procurarsi elementi quali fosforo e azoto, tanto carenti nei suoi terreni di crescita.

Altra caratteristica interessante è che le pinguicole sono piante perenni che riescono a sopravvivere in climi ostili formando con le foglie una rosetta compatta che gli permette di superare senza danni le gelate e le nevicate invernali.

In Italia sono presenti cinque specie, alcune delle quali estremamente rare e forse scomparse:
P. hirtiflora
P. alpina
P.leptoceras
P. reichenbachiana
P. vulgaris

Le specie più diffuse, la P. alpina e la P. vulgaris sono facilmente osservabili sulle Alpi.