Cima delle Malecoste da Campo Imperatore

La cresta delle Malecoste, ben visibile da buona parte dell’aquilano, è il tratto dello spartiacque principale del Gran Sasso compreso tra l'omonima Cima delle Malecoste e Pizzo Cefalone. Si tratta di una lunga e aerea dorsale che precipita ripidissima verso Assergi da un lato e che offre splendide vedute sulla Valle Venacquaro dall’atro. Percorrere la cresta è un’esperienza di sicuro interesse grazie soprattutto ai bei panorami e alla scarsa frequentazione della parte finale della cresta. Le difficoltà del tratto compreso tra Pizzo Cefalone e Cima Giovanni Paolo II rendono, tuttavia, l’escursione alquanto selettiva e consigliata solo a escursionisti molto esperti.


Interessi per i bambini

Itinerario bello e divertente in grado di entusiasmare qualunque bambino in grado di affrontarlo. Le difficoltà presenti tra Pizzo Cefalone e Cima Giovanni Paolo II richiedono, in presenza di bambini, un’estrema cautela a causa dell’esposizione dei passaggi più impegnativi. L’escursione, quindi, deve essere affrontata solo da bambini molto preparati accompagnati da escursionisti esperti dotati dell’attrezzatura alpinistica e delle capacità necessarie per garantire la dovuta sicurezza dei più giovani. 

Interesse Sportivo
Livello di interesse: 
Alto

Itinerario estremamente divertente a causa delle difficoltà quasi alpinistiche del tratto centrale. Si raccomanda di fare la dovuta attenzione e di portare con se corde e imbracature per assicurare i ragazzi.

Interesse Paesaggistico
Livello di interesse: 
Alto

Il sentiero si snoda in un’area estremamente interessante e offre panorami mozzafiato sul cuore del massiccio. 

Interesse Naturalistico
Livello di interesse: 
Medio

È comune osservare grifoni e camosci. Di estremo interesse anche le fioriture presenti, tra luglio e agosto, nel primo tratto dell’escursione.

Descrizione

Traccia GPS: 
Galleria fotografica