E

Si tratta di itinerari che si svolgono su sentieri e su  tracce a quote anche piuttosto elevate e su terreni di vario genere. Possono presentare tratti esposti su pendii erbosi, pietraie anche con neve residua.

Possono presentare tratti non evidenti , quindi, richiedono un buon senso dell'orientamento unito a una buona conoscenza della montagna, attrezzatura e abbigliamento adeguati.

Se percorsi con i bambini può, occasionalmente, essere necessario disporre di attrezzature specifiche (corda, imbracatura ecc.)

Monte Magnola da Ovindoli

La via più breve per salire alla vetta del Magnola. La salita si svolge per buona parte sui tracciati delle piste da sci e sulle strade di servizio e, nonostante, i bellissimi scorci sul Velino non è tra gli itinerari più adatti per far amare l'escursionismo a un bambino. Nella lunga discesa, abbandonata la cresta può presentare qualche problema di orientamento.

Monte di Cambio da Jaccio Crudele

Bell’itinerario che permette di raggiungere la panoramicissima vetta del Monte di cambio senza troppa fatica. La via di salita proposta attraversa gli ampi prati che caratterizzano questo settore dei monti Reatini evitando le sterrate che arrivano quasi in vetta e regalando una piacevole sensazione di isolamento. La presenza di animali al pascolo, fontanili e ampi panorami rende il sentiero appetibile anche per i bambini più piccoli, purché abituati a camminare.

Monte Gennaro da Prato Favale

Itinerario molto frequentato che permette di salire, con poca fatica ad una delle più interessanti vette dei Lucretili. Si tratta di un bel percorso con poco dislivello che attraverso faggete secolari, ampi pianori ed estese pietraie permette di apprezzare appieno la varietà degli ambienti offerti dai Lucretili.

Pagine

Abbonamento a RSS - E